Corso di Reportage e fotogiornalismo a Bari Puglia

CORSO di FOTOREPORTAGE
Il racconto per immagini

Il corso di fotoreportage di Massimo Barberio e Donato Cosmo ha come obiettivo lo sviluppo di un approccio personale alla fotografia e di una propria visione del mondo che utilizza la fotografia come strumento prima ancora che linguaggio.
Il corso non rivelerà alcun segreto per vincere premi o pubblicazioni (i segreti non rientrano nella sfera della fotografia, ma dell’imprenditoria): vuole fornire semmai un supporto costante e una guida durante tutto il percorso di formazione individuale. Raccontare per immagini una storia può rivelarsi difficile e pericoloso, bisogna avere grande fiducia in sé stessi e negli altri prima di poterlo fare.
La pretesa di verità è uno dei fondamenti della fotografia, occorre quindi iniziare a praticarla dapprima con sé stessi.
Sarà necessario quindi da subito sbarazzarsi del cinismo, degli indugi e delle aspettative a favore di un processo costruttivo e disciplinato di consapevolezza e fiducia.

Massimo Barberio - 01
Foto di Massimo Barberio

 

DURATA E STRUTTURA DEL CORSO

a cura di Massimo Barberio e Donato Cosmo
5 lezioni da 3 ore (una a settimana) + attività pratica con follow-up
numero massimo partecipanti: 12
costo del corso: 200 euro

Per conoscere le date di partenza consultare la nostra programmazione

Per le iscrizioni è obbligatoria la prenotazione in sede con rilascio di acconto.

Il saldo totale deve avvenire entro e non oltre la terza lezione.
Il corso partirà previo raggiungimento di un numero minimo di iscritti.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Per maggiori informazioni o preiscrizioni utilizzare il contact form

PROGRAMMA DEL CORSO

> 1° appuntamento: presentazione, visione portfolio, cos’è una storia

Presentazione della classe, visione dei lavori dei partecipanti ed analisi dei progetti che si intendono affrontare: fattibilità, punti di forza e debolezze: introduzione del concetto di “notizia” e “storia”, come sviluppare un progetto a lungo termine e perché.
In un mondo invaso dalle immagini, cosa ci fa decidere di produrne altre?
Case history partendo da lavori famosi arrivando a quelli attuali, passando per le esperienze dei partecipanti e dei docenti.

> 2° appuntamento: la fotografia impegnata, costruire una storia, editoria

il ruolo della concerned photography nel raccontare una storia e modelli di fotogiornalismo attuali. Contrasti tra la fotografia impegnata e le esigenze di mercato, i dettami dell’editoria e lo stato della cultura dell’immagine in Italia.

> 3° appuntamento: postproduzione, fondi, premi

il dibattito odierno sul fotogiornalismo si riduce sempre, e non solo in Italia, a discutere di tariffario e post produzione: verrà introdotta un’etica ragionata dell’uso delle immagini e della loro manipolazione e si analizzeranno vie alternative ai commissionati che possano finanziare il completamento di una storia.

> fase pratica

I corsisti avranno un periodo di circa due settimane a disposizione durante il quale realizzeranno un progetto su un tema concordato con i docenti e rimarranno in contatto con loro via skype ed email, per consigli e revisioni in corso d’opera.

> 4° appuntamento: phototelling, fondi, premi

lo storytelling fotografico: l’importanza dell’editing delle immagini per dare senso e ragione ad una storia. L’editing è ormai una fase cruciale per capire che lavoro si è svolto sul campo innanzitutto, e quindi di riflessione sul proprio operato.
E’ poi essenziale quando si decide di presentare una storia: vedremo assieme quindi cosa è consigliabile nei diversi casi di presentazione. Senza snaturare o mascherare il lavoro fatto, esistono delle maniere migliori di presentazione a seconda del lettore che avrà di fronte.

> 5° appuntamento: post-produzione pratica

Si analizzerà la post produzione da un punto di vista storico ed etico con un’attenzione particolare ai casi più importanti e prima di entrare nel vivo dal punto di vista tecnico, cercheremo di capire quale sia la scelta stilistica più appropriata al tipo di progetto. La parte tecnica sarà subordinata ad una corretta analisi visiva dell’immagine e l’uso dei software sarà finalizzato ad una presentazione più consapevole e personale.

Massimo Barberio 04
Foto di Massimo Barberio

 

MATERIALE RICHIESTO

I partecipanti sono invitati a presentare un portfolio di massimo 30 foto, o comunque non più di 2 diversi progetti; dovranno altresì portare con sé il proprio laptop e due libri, fotografici o meno, per avere modo di presentarsi da subito al resto della classe e ai docenti, e per fornire elementi utili alla conoscenza delle proprie inclinazioni fotografiche e culturali. 

I DOCENTI

Massimo Barberio - F.projectMassimo Barberio inizia la sua vita da fotografo con quello che per i più sarebbe la fine della propria carriera da fotografo: rifiutando un commissionato da migliaia di euro per una multinazionale. Francesco Zizola, fotoreporter e fondatore dell’unica vera scuola di fotografia (non riconosciuta) italiana non a caso lo definisce l’erede di Mario Giacomelli, il più grande fotografo italiano, che di mestiere non faceva appunto il fotografo. Continua così, con una deriva professionale che lo porta sempre dalla parte dei vinti, ad orientarsi nel mondo del fotogiornalismo vincendo più di 30 riconoscimenti internazionali da un lato, ma dall’altro a seri problemi di indipendenza e censura legati ai suoi reportage investigativi. Nel 2013 Frank Dituri, fotografo e maestro d’arte, docente e curatore per i programmi di fotografia di diverse scuole tra cui il Dipartimento Educazione del Guggenheim, nonché suo scopritore, commentando i suoi ultimi lavori, premiati in tutto il mondo ma senza una pubblicazione in Italia, dice di lui “rappresenta ciò che c’è di buono in Italia.”

È continuamente combattuto dal dubbio di aver sbagliato tutto nella sua vita, o di aver appena iniziato a far bene.

Assieme a Donato Cosmo dapprima fondano un collettivo per la fotografia di eventi e spettacolo e la stampa fine-art, prima di approdare al reportage; è infatti di Donato Cosmo, ormai affermatosi come uno tra i più talentuosi e promettenti post-produttori del Sud Italia, la cura grafica di lavori premiati ed esposti in tutto il mondo: Lucie Awards di New York, AOPS di San Francisco, Px3 di Parigi, Encontros da Imagem di Braga, Kolga Tbilisi in Georgia, Terry O’Neill Tag Award exhibition e Foto8 di Londra, solo per nominare i più recenti riconoscimenti.

sito web: www.massimobarberio.com


Donato Cosmo - F.projectDonato Cosmo nasce nel 1983 e si avvicina alla fotografia nel 1998.
Ha cominciato a fotografare festival di musica tra cui il Concerto del Primo Maggio a Roma e successivamente si avvicina alla fotografia di reportage.

Ha frequentato i laboratori di post-produzione fotografica e stampa Fine Art del centro 10b di Francesco Zizola specializzandosi in reportage e fashion photography. Nel 2011 è stato finalista nella prima edizione LeicaTalent Italia. Ha esposto in tutta Italia, in Turchia nel settembre 2012 al Bursa Photo Festival e in Ucraina come shortlisted per il Golden Camera.
In questi anni ha collaborato in maniera continuativa con Massimo Barberio,in qualità di post-produttore, curando diversi progetti premiati in campo internazionale (International Photography Awards, Prix de la Photographie, etc.).

Attualmente lavora presso la “Scuola di Fotografia e Cinematografia F. Project” a Bari e viaggia in tutta Europa per seguire diversi progetti personali.

sito web: www.donatocosmo.com


LOCATION E CONTATTI

Il corso si terrà nelle aule didattiche di F.project – Fiorito Foto Film
via Gaetano Postiglione 10, 70126 Bari


Visualizzazione ingrandita della mappa

mail:  fproject.didattica@gmail.com
tel:  320.8195571 (disponibile dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 18:00)